Due dui a confronto

Arduo inserire nello stesso post un duo di rara devastazione come gli Ovo e una coppia di romantici menestrelli come i Deja. Ma non risulta possibile solo per la vicinanza temporale dei due concerti: venerdì scorso gli Ovo a Cas*Aupa e ieri sera i Deja al teatro di Gradisca. Per quanto abbia sempre ritenuto insufficiente un numero dei componenti di una band con voce inferiore a 5 e di necessaria importanza la presenza di basso e batteria, devo ammettere che esiste una progressiva linearità della proporzionalità tra la bravura dei componenti e la resa della performance anche in strutture orchestrali meno popolose come un duo. E in casi eccezionali la bravura dei musicisti, la scelta dei suoni, la scelta dell’arrangiamento disponibile in forma ridotta, possono determinare una proposta musicale di tutto spessore e interesse. Insomma i dui non sono da scartare dal panorama musicale, soprattutto se sono bravissimi e non cercano di evadere i confini delle possibilità umane ma si assestano su un limite degno di stupore. Per il resto i concerti degli Ovo e dei Deja rimangono vicini solo sul mio calendario.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...